Una storia milanese

Per raccontare la Vita di questa attività, bisogna scorrere le pagine della memoria.

La sua storia, la storia della Famiglia Seganti.

Il tutto probabilmente cominciò da un signore dall’aspetto nobile di nome Giovanni, il quale comprava mobili usati alle aste per poi rivenderli.

Un lunedì di fine inverno, il 7 marzo 1955, venne aperto il primo negozio della Famiglia Seganti, intestato ad Ardizzi Carolina, moglie di Giovanni e madre di Albino e Daniele, riconosciuta come Società di Fatto, iscritta al settore Artigianato con la dicitura: Lucidatori di Mobili e Commercio al Minuto, con sede in Ripa di Porta Ticinese 117, lungo la via principale che costeggia il Naviglio Grande, dando il via alla realizzazione de “il Sogno Americano” sulla scia dei tempi d’oro del boom economico.

In questo contesto, bisogna citare Albino Seganti che all’età di 23 anni si sposò con Maria Ida Galli e nell’anno successivo, nel 1959, iniziò a lavorare presso l’attività della madre, anno in cui diventò anche padre di Giancarlo, il quale lo seguì nel suo ancora insospettabile futuro.

Albino, arrivava da un mestiere completamente diverso: l’elettrauto, che lo portò fino in Inghilterra ad imparare come aggiustare le autovetture americane, per poi formare le nuove leve qui a Milano.
Rinunciò ad una bella carriera per intraprendere un nuovo lavoro con tutta la sua famiglia, cominciando così il mestiere di lucidatore e falegname e compiendo i primi passi in un settore, ancora oggi, in continua espansione e rinnovamento.

Il 18 Novembre 1964, nove anni dopo l’inaugurazione del negozio in Ripa Ticinese, Seganti Albino fondò una sua attività con Statuto di Impresa Individuale, aprendo un negozio nel cuore di una zona fra le più rinomate e ricche di storia: Porta Romana, in Via Lazzaro Papi al 12, sull’angolo di Via Pietro Colletta, ottenendo una Licenza di vendita al minuto di mobili e tappezzeria, elettricità, idraulica, elettrodomestici, radio tv, strumenti musicali, passando di fatto al settore Commercio.

I due fratelli si trovarono così a gestire due negozi fino al 31 dicembre 1982, giorno in cui si divisero ufficialmente, per intraprendere strade diverse: Albino continuò l’attività in Via Lazzaro Papi, il fratello in Ripa Ticinese.

Durante una parte del percorso dei due fratelli, a cavallo degli anni ‘70/’80, furono presenti alla Fiera Campionaria di Milano, quella dedicata anche ai rivenditori e che si svolgeva nel canonico mese di Aprile, in un’epoca dove i costi di affitto degli stands erano alla portata anche dei piccoli commercianti.

Tornando al 1964, Albino cominciò la sua attività in Via Papi, prendendo in affitto quelle che ora riconosciamo come le cinque vetrine d’angolo, in cui prima di loro vi lavorava “El Polirö” (venditore di polli) e successivamente prese in affitto anche le due vetrine confinanti sulla Via Pietro Colletta, dove invece si trovava un gommista.
All’epoca, non esisteva internet, l’aria condizionata e il negozio veniva riscaldato semplicemente con una stufa a kerosene, per cui durante gli inverni più duri si lavorava con i guanti e qualche volta anche i Clienti non osavano togliersi il cappotto; inoltre, si poteva usufruire solo di un bagno “alla turca” in cortile, in condivisione con gli altri negozianti dello stabile.

Il figlio Giancarlo intanto percorre la sua strada e nel luglio 1979 consegue il diploma di Geometra e anche lui, come il padre, scelse di continuare la tradizione dell’attività famigliare, poiché aveva intuito di possedere un talento in questo settore fin da quando cominciò a lavorarci sporadicamente nel 1977.
Una scelta raggiunta anche dopo aver ricevuto un’importante offerta di lavoro dalla Snam in America Latina al conseguimento del diploma.

Passa il tempo ed un altro importante lunedì si presenta: il 18 ottobre 1982, quando Seganti Albino, la moglie Galli Ida e il figlio Giancarlo, acquistarono l’intero immobile da un nobile casato, investendo su un futuro oggi rivelatosi propizio.

Nel 1985, intuendo che qualcosa stava cambiando, nell’attività venne introdotto il primo computer con il quale si era in grado di elaborare i primissimi progetti di arredo, sviluppati davanti a Clienti strabiliati dalla nuova tecnologia, i quali non indugiavano sull’acquisto dell’arredamento.

Padre e figlio lavorarono sempre insieme a pieno ritmo, fino a giovedì 26 marzo 1993, giorno in cui, con Atto Costitutivo, si sancì il passaggio della staffetta dal padre al figlio, dando vita all’attuale SEGANTI ARREDA sas di Seganti Giancarlo.

E’ un mercoledì, il 3 luglio 1996, quando a tutti gli effetti, la Famiglia Seganti divenne la nuova proprietaria del negozio e, nella stessa estate, diede inizio alla sua ristrutturazione.

Si poté così finalmente ricevere i Clienti in un ambiente più accogliente, fresco d’estate e caldo d’inverno, ed avere un bagno personale.

Nella ristrutturazione, Seganti Arreda decide di mettere in risalto un pilastro dell’edificio storico ubicato all’interno del negozio, destinato a rimanervi ancora per diverso tempo.

In quell’occasione, vennero mantenute tutte le beole di sostegno delle sette vetrine con le griglie di aereazione originali delle cantine e le protezioni in ferro battuto della finestra del bagno e della finestrella dell’ufficio, affacciate sul cortile interno.

Qualche tempo fa, il negozio si è un poco ingrandito, prendendo in affitto l’ex guardiola del condominio, per utilizzarlo come magazzino, potendo così trasformare il vecchio retro, in un piccolo ufficio.

Nel 2012, Seganti Albino, dopo 41anni di intenso lavoro, senza mai risparmiarsi, chiude la sua storia lavorativa, aprendosi alla nuova esperienza dell’età pensionistica e lasciando l’attività, nella sicure mani del figlio Giancarlo, affiancato dalla moglie Barbara Triulzi.

… E IN DIALETTO MILANESE

Per cuntà sù la vita de quest lavorà se gh’ha de andà indree con la memòria.

Nun semm semper staa a Milan oramai da trè generazion de la famiglia Seganti con quest mestee.

L’è cominciaa tutt da on scior ch’el pareva on nòbil, el scior Gioann Seganti che ’l comprava di mobil giamò dovraa in di mercaa a l’incant per poeu vendi.

On lunedì a la fin de l’inverna, el 7 (sett) de marz del 1955 (Milanoeuvcentcinquantacinch), l’è staa dervii el primm negòzzi de la Famiglia Seganti, intestaa però a la sciora Ardizzi Carolina, miee del Gioann e mader de l’Albino e del Daniele, cognossuda allora come società de Fatt, iscritta in del settor Artigianaa con la descrizion: Lustrador de Mòbil e Commerc al menud, cont el sò indirizz in Ripa de Pòrta Ticines al centdersett, in quella via che l’è de fianch al Navili Grand, e che la cominciava a realizzà quell sògn “american”, e che la sfruttava anca lee el “boom econòmich”.

E chì se gh’ha de ricordà l’Albino Seganti che a 23 (Vintitrii) ann l’ha sposaa la Maria Ida Galli e, l’ann dòpo, el 1959 (Milanoeuvcentcinquantanoeuv), l’ha cominciaa a lavorà in l’attività de sò mader, l’istess ann che gh’è nassuu el sò fioeu, el Giancarlo, che poeu el gh’è andaa adree in quell ch’el saria staa on bell sògn.

L’Albino el rivava da on mestee completament divers: l’elettrauto, mestee che l’ha portaa fin in Inghilterra a imparà come se giusta i otomobil american, per poeu fagh imparà ai fioeu pussee giovn chì a Milan. L’ha rinunciaa a ona bella carriera per cominicià on noeuv lavorà con la soa famiglia, e l’ha comincià cont el fà el lustrador e legnamee e l’ha faa i primm pass in d’on settor che ancamò incoeu el se rinnova.

El 18 (desdòtt) de november del 1964 (milanoeuvcentsessantaquatter), 9 (noeuv) ann dòpo l’inugurazion del negòzzi in Ripa Ticines, Seganti Albino l’ha fondaa ona soa attività cont on Statut de Impresa Individual, e l’ha dervii on negòzzi in del coeur de ona zòna tra quei pussee famos e de sciori de la stòria: Pòrta Romana, in via Lazzaro Papi al dodes (12), in sul canton con la via Pietro Colletta, e lì el gh’ha avuu anca la licenza per vend al menuder de mòbil e tappezzaria, ròbb elettrich, idraulica, elettrodomestich, radio, tv, e fina anca istrument per la musica e inscì l’è passaa de fatt in del settor del Commercio.

I duu fradei s’hinn trovaa inscì a fà andà avanti duu negòzzi fin al 31 (trentun) dicember 1982 (Milanoeuvcentvottantaduu), quand s’hinn divis per ciappà ògnidun la soa strada: Albino l’ha continuaa el sò lavorà in via Lazzaro Papi e sò fradell in Ripa Cines.

Tra i ann 70 (settanta) e 80 (vottanta) i duu fradei hinn staa a la Fera Campionaria de Milan che in chi ann l’era dedicada anca ai rivenditor e che la se faseva in del mes de april.

Ma andemm anmò indree al 1964 (Milanoeuvcentsessantaquatter), l’Albino el comincia la soa attività in via Lazzaro Papi, el ciappa in fitt quella che incoeu cognossom come i cinqu vedrinn che hinn d’angol e indoe prima gh’era “El Polliroeu” e dòpo l’ha fittaa anca i dò vedrin in su la via Pietro Colletta doe gh’era el gommista.

A quell’ora gh’era minga internet, l’aria condizionada e el negòzzi el se riscaldava cont ona stua a kerosene inscì che in quij ann che faseva pussee fregg se lavorava con su i guant e on quai client el se cavava nanca el paltò e gh’avevom domà on cess a la turca in la cort che l’era anca di alter…

Intrattant el fioeu del Giancarlo el cres e nel luj del 1979 (Milanoeuvcentsettantanoeuv) el diventa Geometra e subit el va a lavorà a la Snam Progetti, in l’America Latina ma, anca lù compagn de sò pader, el decid de andà avanti con la tradizion de famiglia perchè l’aveva capii de vegh el talent in del settor quand in del 1977 (Milanoeuvcentsettantasett) l’aveva lavoraa per on poo.

Passa el temp e on alter lunedì el diventa important, quand el 18 (desdòtt) ottober 1982 (Milanoeuvcentvottantaduu), Seganti Albino, la miee Galli Ida e el fioeu Giancarlo compren l’immòbil da ona famiglia de nòbil, e inscì hann investii per el doman, che incoeu s’è vist che l’è staa propizzi.

In del 1985 (Milanouevcentvottantacinch) se cominciava a cambià con la “tecnologia” e in l’attività gh’è staa mettuu el primm computer e se podeva fà i progett de arredament cont i client che eren inscì content e compraven.

Papà e fioeu lavoraven semper insèma e de lena fin a giovedì 26 (vintises) marz 1993 (Milanoeuvcentnovantatrii), quand con “Atto Costitutivo” s’è cambiaa e, compagn de la staffetta, l’è staa passaa el testimòni da pader a fioeu che l’ha daa vita a quella che anmò incoeu l’è SEGANTI ARREDA sas di Seganti Giancarlo

On mercoldì, el 3 (trii) luj 1996 (Milanoeuvcentnovantases), l’Albino e ’l Giancarlo insèma a soa mama, hinn diventaa i noeuv propietarii e hann subit cominciaa a ristrutturà el negòzzi, inscì che s’è poduu ricev i client in d’on ambient rinnovaa.

In la ristrutturazion però l’è stada rispettada ona presenza stòrica che l’è ancamò lì incoeu: on pilaster cilindrich de struttura che l’è staa valorizaa con vernis ferro-micacea.

In l’occasion hinn staa mantegnuu anca tutt i beol de sostegn di sett vedrinn cont i impennaa de areazion originai di cantinn e i protezion de ferr battuu de la finestra del bagn e de la finestrella de l’offizzi, che varden in la cort interna.

On poo de temp indree se semm ingrandii cont el fittà el localin del condomini per fall diventà on magazzin e trasformà el retro in offizzi.

In del 2012 (Dòmiladodes), Seganti Albino, dòpo 41 (quarantun) ann de lavorà, senza mai risparmiass, el sara sù la soa stòria de lavorador e ’l proeuva a fà el pensionaa. El lassa inscì tusscòss in di mann del sò fioeu Giancarlo che l’è vuttaa da la soa miee la Barbara Triulzi…

Seganti Arreda vuole celebrare Milano, luogo della sua nascita e della sua attuale residenza, onorando la cultura alle sue radici attraverso la traduzione della propria Storia, redatta da Gianfranco Gandini, un artista “a tutto tondo”, quindi Pittore e Poeta con la passione per il dialetto milanese che insegna presso il prestigioso Circolo Filologico di Milano: www.filologico.it dove insegna grammatica milanese.
Mentre insegna, oltre alla grammatica milanese, anche letteratura milanese presso il Museo Martinitt e Stelline, Gianfranco Gandini, impegnato su più fronti, è anche Presidente dell’Accademia del dialetto milanese “Accademia del Dialett Milanes”, con la loro rivista “Sciroeu de Milan” a cui Seganti Arreda si è abbonato per puro piacere (per info: Gianfranco Gandini 333/699.59.33)
Accademia del Dialett Milanes è partner del progetto 30 Artisti per l’Expo’ www.30artistiexpo.com/mediapartner.htm